martedì 30 aprile 2019

Prossimo evento: andiamo a teatro

Come ogni anno, tra pochi giorni, potremmo essere investiti dalla travolgente allegria degli amici della compagnia Il Frolloccone.
 

Al teatro Anfitrione (Via di San Saba) da giovedì 16 a mercoledì 22 maggio ci promettono risate e divertimento con la  commedia "Rumori fuori scena" di Michael Frayn.
Venite numerosi, con parenti e amici, grandi e piccini. Dalla prima serata in poi riempiamo il teatro fino all'ultima rappresentazione!
 

domenica 28 aprile 2019

Notizie dal Mozambico ... un mese dopo il ciclone (Idai)


        E’ passato poco più di un mese da quando, nella notte tra il 14 e il 15 marzo un violento ciclone tropicale (Idai), in altre parole un terrificante uragano, si è abbattuto sul Mozambico, lo Zimbabwe e il Malawi.
           In tale zona gli uragani, fino a qualche decennio fa fenomeni piuttosto rari, difficilmente avevano raggiunto una simile intensità.
I venti, nei pochi registrati negli ultimi 25 anni, avevano superato i 200 chilometri orari solo un paio di volte, mentre quelli di Idai hanno toccato, nel momento di massima intensità, i 315 chilometri orari; il mare si è addirittura alzato di circa quattro metri.
               
       Il Mozambico, con la sua lunga costa sull’Oceano Indiano, è stato quello che ha subito i maggiori danni: in particolare le province centrali e soprattutto la citta portuale di Beira (seconda città del Mozambico) e i suoi dintorni, data la posizione sul livello del mare e poco protetta, sono stati distrutti al 90 per cento.

venerdì 30 novembre 2018

Qualche aggiornamento sulla situazione economica mozambicana


Per meglio comprendere il contesto in cui vive ed opera il centro di Chitima, sembra opportuno  un aggiornamento delle informazioni circa la situazione economica, a distanza di due anni dalla pubblicazione delle prime annotazioni (cfr. www.oviveiro.org 16/10/2016). La crisi economico-finanziaria che, allora, era nella sua fase più grave, è proseguita per tutto il 2017:  il tasso di crescita del PIL è stato pari, rispettivamente, al 3,8 e al 3,3% nel 2016 e 2017,  accusando gli effetti di una politica monetaria restrittiva e della forte inflazione.
Nell’anno in corso la situazione economica ha iniziato a mostrare segnali di recupero incoraggianti, alimentando la speranza che il Paese possa riprendere quel percorso di sviluppo (tra il 6,5 e il 7% annuo) conosciuto fino al 2015. Il miglioramento appare trainato quasi esclusivamente dalle esportazioni[1] (carbone e alluminio in primis), dallo sviluppo del settore agricolo e delle risorse minerarie.

Tra queste ultime ha particolare rilevanza il gas naturale, estratto nella provincia di Inhambane (sulla costa meridionale dell’Oceano Indiano) ed esportato in Sudafrica con un gasdotto lungo  quasi 900 km; nel 2017 è stato firmato, inoltre, un accordo con l’ENI per lo sfruttamento del grande giacimento al largo di Cabo Delgado (nord-est del Paese). Si estraggono anche carbone (a Moatize, presso Tete), oro, bentonite (provincia Maputo), titanio e bauxite (Provincia Manica).