giovedì 1 dicembre 2011

Inaugurazione prima casa accoglienza bambine


Lunedì 21 novembre 2011 è stata inaugurata, alla presenza dell’Amministratore del Distretto di Cahora Bassa, dei Padri Comboniani della Parrocchia di Chitima e di una delegazione dell’Associazione O Viveiro Onlus (Roma - IT), la prima casa di accoglienza del Centro O Viveiro, Chitima, realizzata in ricordo di "avo Giuliana", con il contributo della famiglia Schmidt e dei soci ed amici della nostra Associazione.
La comunità locale ha partecipato numerosa, promuovendo, al termine della cerimonia del taglio del nastro e della celebrazione religiosa, una gioiosa festa popolare.

La casa, dedicata alla memoria di Giuliana Roberti di Castelvero, accoglie 23 ragazze provenienti da differenti distretti della Provincia di Tete, di età compresa tra i 10 ed i 15 anni: Santa Rosario Gapito, Fatima Arifo Tacuesse, Emaculada Elias Quembo Jorge, Liriana Carlos Buruto, Teresa João Chatala, Sinavia Armando, Manuela Naisson Navaia, Adelia Luca, Onai Rui Championi, Augusta Dos Anjos, Claudia Alberto Chinde, Delfa Isabel, Raimunda Antonio Alique, Rosa Naisson Navaia, Rosalina Arte, Joana Profiro Sobrinho, Lucia Augusto Ilario, Francisca Horacio, Anarita Alberto, Marcia Horge, Marcela Hilario, Nela José Manuel, Regina Adriano Cussaia.

Nella stessa occasione è stata inaugurata, dalla delegazione italiana, guidata da Flaminia Giovanelli (presidente O Viveiro Onlus, Roma), la casa di accoglienza per formatori ed ospiti, realizzata grazie al contributo della ditta CMC e della Fondazione San Matteo, in memoria del Card. Van Thuân, ed il campo sportivo, dedicato a Junio Monacelli, per lo sviluppo del progetto “Rugby col cuore”.

Il sopralluogo ha consentito anche di conoscere più da vicino tutto il personale ed i lavoratori del centro (e le rispettive famiglie) e di verificare lo stato di avanzamento delle varie attività edili/produttive del centro (realizzazione del secondo pozzo e del serbatoio dell’acqua, avvio della produzione agricola, realizzazione del recinto animali, costruzione forno per pane/pizza…).

E’ stato anche possibile programmare lo sviluppo futuro del centro con i rappresentati dell’Associazione locale O Viveiro Tete, fissando come prossimi obiettivi: l’avvio delle attività produttive per il sostegno del Centro (agricoltura, allevamento, mulino, piccolo negozio) ed il completamento delle opere edili per ultimazione primo lotto intervento (canalizzazioni adduzione idrica, aula studio, ufficio responsabile centro, miglioramento accesso area, livellamento campo gioco).

Vai alle foto e al video

Nessun commento: