martedì 28 giugno 2016

Nel Centro O Viveiro a Chitima l'agricoltura si modernizza!!!


La seconda tranche del generoso sostegno della CEI (Conferenza Episcopale Italiana),  grazie ai fondi dell’8 per mille del reddito complessivo ai fini IRPEF destinato alla Chiesa Cattolica, erogata nella parte finale dello scorso anno, con l’aggiunta di una quota - anche in questo caso della seconda tranche - del finanziamento Seed Awards, ha permesso al Centro O Viveiro di Chitima (Tete, Mozambico)  di fare un considerevole salto di qualità in termini di attrezzature agricole e non solo.


A meno di cinque anni di distanza dall’arrivo della prima coppia di buoi (novembre 2011) destinati al lavoro del  terreno, dopo lunghe e laboriose trattative,  sono, infatti, arrivati al Centro, accolti con grande entusiasmo, un pick-up,  un trattore con carrello,  aratro e frangizolle.
 

Il primo ad arrivare è stato il pick-up che,  già in occasione del suo primo viaggio per il trasferimento da Tete al Centro O Viveiro a Chitima,  ha potuto “dare un passaggio” ad alcune delle ragazze di ritorno dalla scuola.  Dovrebbe così  essere facilitato, soprattutto, il trasporto di materiali e alleviato il compito dell’ormai  vecchio  pulmino che, comunque,  continua il suo onorato servizio.


 
 
 







Più laboriosa è stata la consegna del trattore,  del carrello e delle altre attrezzature (aratro e frangizolle),  in primo luogo perché non tutti  immediatamente disponibili sulla piazza di Tete, ma  soprattutto perché, dato il loro volume e la distanza (150 km.  da Chitima) , il loro trasporto  richiedeva la messa a disposizione da parte del venditore di un mezzo adeguato.  Comunque, anche questi, all’inizio di giugno, hanno fatto il loro ingresso nel Centro.


 
 
                          
 
 
 
 Il nuovo “corredo”,  oltre ai grandi vantaggi per l’attività quotidiana del Centro e lo sviluppo della sua agricoltura,  potrebbe rappresentare una fonte di più o meno consistenti  proventi,  potendo essere “noleggiato con conducente” per lavori all’esterno dell’area O Viveiro.
In attesa delle foto che documenteranno la loro operosità,  auguriamo a tutti buon lavoro!

Nessun commento: